Test di specializzazione

Standard

Una cosa mi viene chiesta spesso: ma come funziona il test di specializzazione?

Se devo essere sincera, per quest’anno non è ben chiaro neppure a me! No, non sono rincoglionita, è che questo sarà il primo anno in cui sarà introdotta la nuova riforma con graduatoria nazionale.

Ma andiamo con ordine.

TEST PRE-RIFORMA

Fino all’anno scorso, il punteggio per accedere alla scuola di specializzazione era composto da 3 parti:

  • Prima prova: un quiz con 60 domande a risposta multipla basato su un pool di domande già fornite dal ministero. In pratica te le imparavi a memoria e bom. La prima prova era in giorni differenti in base alla classe della scuola di specializzazione scelta: medica (cardiologia, medicina interna, ecc…), chirurgica (ginecologia, urologia, neurochirurgia, ecc…) e dei servizi (radiologia, anestesia e rianimazione, ecc…)
  • Curriculum: venivano assegnati dei punteggi in base alla tua carriera universitaria -> voto di laurea, media dei voti, punteggi di alcuni esami attinenti, attività didattiche opzionali attinenti, attinenza tesi e pubblicazioni su riviste scientifiche.
  • Seconda prova: un caso clinico scritto valutato, fino ad un massimo di 15 punti, direttamente dal prmario della scuola di Specializzazione.

La graduatoria era interna all’Ateneo in cui si svolgeva il test.

La vera differenza in questa modalità veniva fatta dalla seconda prova e dal curriculum. Per dirla in termini bruti, il direttore della scuola valutava e assegnava il punteggio ad un curriculum e alla seconda prova per cui, se stavi sulle palle al professore, questi trovava il modo di non farti entrare. Allo stesso modo, se eri raccomandato, figlio di, ecc… il modo per farti entrare (aggiustando il punteggio di curriculum o della seconda prova) veniva trovato.

Ovviamente questo non succedeva ovunque, ma in alcune realtà era all’ordine del giorno.

Indubbiamente i vanaggi c’erano: facevi il test in un ambiente che conoscevi già e che avevi già frequentato e, se volevi entrare, per esempio, a Roma facevi il test a Roma e, se entravi, eri sicuro di essere a Roma.

TEST POST-RIFORMA

Quest’anno il discorso è un pochino diverso. Prima di tutto, la graduatoria è nazionale, il che vuol dire che se io faccio il test a Roma posso non ottenere il punteggio necessario per entrare lì, ma il mio punteggio potrebbe andare bene per entrare a Milano (per esempio).

Questo può portare svantaggi (doversi spostare di centinaia di km da casa) ma anche potenziali vantaggi (se io ho studiato a Roma, ma voglio fare Neurochirurgia nell’università X che è considerata la migliore in Italia, ora posso avere una chance mentre prima, se non conoscevo il direttore,  avrei potuto avere mokte difficoltà)

Altra differenza è l’eliminazione della seconda prova, togliendo così una parte molto discrezionale.

I test si terranno, a quanto ho capito, in giorni differenti in base alla categoria della specializzazione (medica, chirurgica o dei servizi) e si potranno tentare 2 specializzazioni per ogni categoria.

Il punteggio (date le ultime indiscrezioni) sembra essere composto da 120 punti dati da un test a risposta multipla con domande non note e basate su casi clinici ragionati. Altri 15 punti saranno dati dal curriculum composto da voto di laurea, media dei voti, punteggio di 5 esami attinenti.

E qui sorgono i problemi perché i programmi delle varie università non sono unificati: in alcuni atenei l’esame X è diviso in 3 parti, in altri è unico…in alcune università l’esame Y c’è e in altre no…

Oltretutto è difficile confrontare i voti di laurea di università differenti se, in alcuni atenei la media del voto di laurea è 105 (più che normale…vuol dire che alcuni studenti escono con la Lode, altri con 100…un pool di voti vario) mentre in altri la MEDIA dei voti di laurea è 112 (CENTODODICI!! Vuol dire che quello che si laurea col voto più basso, si laurea con 110!! Mi dite voi com’è possibile?).

Come potete vedere, il nuovo test è sicuramente più meritocratico del precedente, ma non privo di problemi.

Quest’anno toccherà a me fare da cavia…vedremo ad Ottobre come va…nel frattempo, meglio concentrarsi sui libri!

Qui potrete trovare maggiori informazioni:

http://www.fedespecializzandi.it

Annunci

Un pensiero su “Test di specializzazione

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...