Nel retro di una moneta

Standard

“..se il Signore avesse conosciuto questa piana di Puglia, luce dei miei occhi, si sarebbe fermato a vivere qui…”
[Federico II di Svevia]

Il contratto di formazione specialistica per noi specializzandi prevede 38 ore lavorative settimanali che, nel reparto in cui mi trovo ora, sono da svolgersi dal Lunedì al Sabato dalle 8 alle 14 circa (poi in genere si sfora sempre ma, con l’entrata in vigore della normativa del 25 Novembre, mai oltre le 48 ore settimanali).
Questo vuol dire che, salvo i turni di guardia notturna e nei festivi, ho quasi tutte le domeniche libere.
E come non approfittarne per delle gite fuori porta alla scoperta di questa meravigliosa terra Pugliese? Continua a leggere

Annunci

New York, New York…

Standard

…il primo assaggio di America inizia con un morso alla Grande Mela!

La prima città che ti viene in mente quando pensi all’America…
La sogni per anni, la vedi nei film, nei telegiornali…hai ancora impresse le immagini di quel maledetto 11 Settembre…ti sembra di conoscerla anche se non ci sei ancora stata…

E finalmente quest’estate (complice l’aver iniziato a guadagnare qualcosina e l’essersi decisa a fare il passaporto) riesci a visitarla!

Cammini per la Fifth Avenue…
Vieni assorbita dalle luci e dalla folla in Times Square…
Vieni trascinata a pregare mano nella mano durante una messa Gospel…
Ti ingozzi di Hamburger e torte (che tanto smaltirai camminando per miglia e miglia)…
Ti fai venire la pelle d’oca davanti la Statua della Libertà…
Ti fai togliere il respiro ammirando il panorama notturno dal Top of The Rock
Ti commuovi al museo dell’11 Settembre al World Trade Centre
Ti fai prendere dall’entusiasmo assistendo ad una partita degli Yankees allo stadio…
Ti fai venire il torcicollo continuando a stare con il naso all’insù per ammirare i grattacieli…
Ti fai venire il fiatone pedalando a Central Park…
Ti fai scappare la lacrimuccia quando ti trovi davanti la casa di Monica, Rachel, Chandler e Joey di FRIENDS e alla caserma dei Ghostbusters…

New York non è una città: è un turbinio di emozioni che devono essere vissute.

L’immagine presente in questo articolo è di proprietà dell’autrice del Blog.

Zaragoza…

Standard

…la fortuna di prenotare una meta (quasi) a caso in date a caso e ritrovarsi nel bel mezzo della più importante festa popolare Aragonese.

Prendi una laurea in Medicina e aggiungi degli amici che conoscono il tuo amore per i viaggi: ottieni un Buono sconto Ryanair.

Prendi un buono sconto Ryanair e aggiungi un budget economico (tradotto: “C’abbiam le pezze ar culo”) e la voglia di vedere una meta mai vista: ottieni SARAGOZZA!

Meta insolita un poco più a Nord di Madrid, ma ricca di fascino!

Se poi, come a noi, vi capita la fortuna di andarci durante la Fiestas Del Pilar (la più grande festa popolare di tutta l’Aragona) il successo è assicurato!

L’immagine presente in questo articolo è di proprietà dell’autrice del Blog.

Auschwitz-Birkenau…

Standard

…un posto da vedere almeno una volta nella vita, per rendersi conto della crudeltà umana.

L’anno scorso in Agosto ero super impegnata in Laboratorio per la tesi.

Ricordo ancora le parole del mio simpatico Prof: “Quest’anno ad Agosto dovrai stare in laboratorio…tanto mica avrai intenzione di andare in vacanza per più di una settimana a Ferragosto?“.

Io e la mia dolce metà non volevamo rinunciare a visitare qualche posto nuovo, ma dove andare in una settimana con un budget ridotto? Soprattutto se la settimana in questione è quella di Ferragosto, la più cara dell’anno! Continua a leggere

Baviera…

Standard

…ovvero: il fascino del viaggio in automobile.

Esattamente 3 anni fa oggi, io e la mia metà partivamo per un viaggio on the road.

Avevo infatti regalato alla mia metà un soggiorno a Monaco di Baviera. Abitando nel nord Italia (ed essendo la capitale Bavarese distante “solo” 6 ore da noi) abbiamo deciso di affrontare il viaggio in automobile. Questo ci ha permesso non solo di testare l’efficienza del manto stradale teutonico (veramente una tavola da biliardo) e di provare il brivido dell’alta velocità (le autostrade in Baviera, oltre ad essere gratuite, non hanno i limiti di velocità), ma anche di ammirare gli splendidi paesaggi bucolici: immensi prati verdi con fiorellini gialli e le mucche a pascolare.

Grazie all’auto abbiamo potuto anche fare tappa una giornata a Schwangau. Il nome in sè può non dire molto (è un paesino di 3000 abitanti), ma sicuramente conoscerete il suo ospite più maestoso: il castello di Neuschwanstein.

Questo non si può definire un castello, ma IL castello per eccellenza. Con le sue guglie, la sua imponenza e il suo candore non può non essere associato ad un posto da fiaba (anche Walt Disney prese spunto per ideare il castello de “La bella addormentata nel Bosco”). Una volta viste le sue maestose stanze, ogni altro castello che visiterete non lo reputerete all’altezza!

Il modo migliore per ammirarlo (e fotografarlo) è dal Marienbrucke: un piccolo ponte su uno strapiombo vertiginoso, decisamente non adatto a chi soffre le altezze

Ma per ammirare uno spettacolo del genere, forse si può cercare nel proprio cuore un po’di coraggio…o resistere il tempo per una foto (ed, eventualmente,  svenire poco dopo!)

L’immagine presente in questo articolo è di proprietà dell’autrice del Blog.

Cappadocia…

Standard

…sottotitolo: “cosa può fare la natura con vento, roccia e 60 milioni di anni a disposizione”.

Durante la mia vacanza in Turchia nel 2012 (che mi ha regalato il più bel ricordo di viaggio. Vedi 2 post sotto) non mi sono fermata solo ad Istanbul, ma, dopo esser stata per 5 giorni nella meravigliosa Costantinopoli,  mi sono spostata per passare altri 5 giorni in Cappadocia, a Göreme.

Nel giro di un’oretta e mezza (trasferimento aereo) sono passata dal caos e traffico infernale di una metropoli (Istanbul conta circa 14 milioni di abitanti) alla tranquillità di una cittadina di appena 2000 abitanti, in cui qualcuno ancora viaggia con il carretto trainato da un cavallo.

Mentre Istanbul è da visitare per la sua frenesia, per le sue imponenti moschee (una su tutte: Santa Sofia) e per avere un primo impatto con la cultura Islamica (o almeno…per me è stato il primo vero incontro), la bellezza della Cappadocia sta tutta nei suoi paesaggi modellati pazientemente da madre natura e sfruttati poi dall’uomo (i cristiani hanno trovato rifugio in questi nascondigli naturali ed alcuni, come la stupenda Chiesa Oscura,  sono stati affrescati con immagini sacre).

Dormire in un albergo scavato nella roccia è un esperienza da fare, così come ammirare lo spettacolo di decine di mongolfiere che svettano sui Camini delle fate alle prime luci dell’alba.

L’immagine presente in questo articolo è di proprietà dell’autrice del Blog.

Il più bel ricordo di viaggio…finora!

Standard

Adoro viaggiare ma, per motivi economici, non riesco a fare tutti i viaggi che desidererei. Posso comunque considerarmi fortunata perché,  pur non lavorando, sono riuscita a visitare, per ora, il 10% del Mondo (o almeno così è indicato il mio profilo di TripAdvisor). Resto comunque dell’idea che la Terra sia un posto troppo grande, che i posti incantevoli siano troppi e, purtroppo, la vita troppo breve per poterli ammirare tutti.

Per questo, appena posso, preferisco spendere i soldi per un viaggio piuttosto che per altro. Penso che i ricordi di viaggio siano la cosa più preziosa che si possa collezionare.

Se devo pensare al più bel ricordo di viaggio fino ad ora non avrei dubbi: AGOSTO 2012, battello sul Bosforo e, davanti a me, il profilo di Istanbul al tramonto da cui sono riconoscibili la torre di Galata e i minareti delle moschee…qualche gabbiano che incrocia la mia visuale e il canto del Muezzin a fare da sottofondo.

Ho ancora la pelle d’oca al solo pensiero.

E il vostro più bel ricordo di viaggio?

L’immagine presente in questo articolo è di proprietà dell’autrice del Blog.